sabato 27 maggio 2017
 
 

Freschi vini di montagna per un’estate 'bianca'

Luglio/Agosto 2016 - Freschi vini di montagna per un’estate “bianca”? La calura estiva già non si sposa facilmente con il consumo di alcol e, ancor più, ci pone in una certa difficoltà quando si tratta di stappare una bottiglia da abbinare, chessò, ad una succulenta bistecca alla fiorentina: il pensiero di un Brunello di Montalcino con 35 gradi all’ombra francamente ci disturba un po’…
E allora al diavolo, per stavolta, le regole “merkeliane” dell’abbinamento e godiamoci vini freschi e piacevoli da degustare con piatti estivi, pesci, verdure ma anche con le più truculente carni alla griglia.
 
E quindi cosa abbiniamo alla nostra fiorentina? In barba a tutti i precetti, vi proponiamo una interessante bollicina di una ormai storica cantina altoatesina di Meltina, tra Bolzano e Merano, la quale, curiosamente, produce solo spumanti: Arunda.
Si tratta del Brut Rosé a Metodo Classico “Excellor”, prodotto con sole uve di Pinot nero di montagna e deliziosamente “colorato” tramite un breve contatto con le bucce.
I successivi 30 mesi di permanenza sui lieviti ed i 3 anni di ulteriore affinamento in bottiglia, dopo la sboccatura, lo impreziosiscono e ne arrotondano le caratteristiche, piuttosto muscolose alla nascita. Molto piacevoli le percezioni olfattive ma ciò che colpisce di più è la cremosità della bollicina che deterge la bocca con delicatezza ed efficacia.
Ovviamente dobbiamo dimenticare le strutture complesse ed i tannini ma il suo mestiere lo fa egregiamente!
 
Per un calice meno impegnativo, come aperitivo e per più tradizionali...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969