venerdì 06 dicembre 2019
 
Home  >  Nazioni
 

Africa » Algeria

L'Algeria è uno stato dell'Africa del nord, appartenente al Maghreb, parzialmente occupato dal deserto del Sahara.
Secondo paese del continente per superficie, confina a nord con il mar Mediterraneo, a nord est con la Tunisia, la Libia a est, il Niger a sud est, Sahara occidentale, Mauritania e Mali a sud ovest e il Marocco ad ovest.

Membro dell'Unione Africana e della Lega araba praticamente dal momento della sua indipendenza dalla Francia nel 1962, l'Algeria è definita come un paese musulmano, arabo e amazigh (berbero). La capitale è Algeri. La moneta, il dinaro algerino.

Nella preistoria, la regione dell'Algeria era una savana, abitata da popolazioni di cacciatori, come attestano numerose pitture rupestri.
Dal V secolo a.C., i popoli dell'antica Algeria si trovarono coinvolti dall'avanzata romana e furono sconfitti dall'esercito di Cesare. Gli arabi vi giunsero per la prima volta nel VII secolo. La lori influenza trasformò completamente la cultura della regione: si diffusero l'islam e la lingua araba, e in seguito l'Algeria conobbe (insieme alla Tunisia) il dominio di una sequenza di dinastie arabe.

Fra l'XI e il XIII secolo l'Algeria divenne parte degli imperi nordafricani degli Almoravidi e Almohadi. Quando questi caddero regnò per qualche tempo una dinastia locale (gli Abdalwadidi di Tlemcen), dopodiché (XVI secolo) l'Algeria divenne uno Stato barbaresco dell'impero ottomano. I francesi iniziarono la conquista dell'Algeria nel 1830; ebbero ebbero un'influenza politica, culturale e demografica. Nel periodo della seconda guerra mondiale, come altrove in Africa, anche in Algeria iniziò a consolidarsi un sentimento nazionalista e indipendentista.

La guerra civile esplose nel novembre del 1954. Nel 1958, con il crollo della IV repubblica francese e l'ascesa al potere di Charles de Gaulle, la questione algerina giunse a una svolta: De Gaulle riconobbe pubblicamente il diritto all'autodeterminazione degli algerini. Dopo il referendum dell'1 luglio 1962, il 3 luglio la Francia dichiarò l'Algeria indipendente. Dopo una guerra civile, le elezioni del 1999 hanno visto la vittoria di Abdelaziz Bouteflika, tuttora presidente.
Il territorio è composto dal Sahara algerino con le zona più vitale del paese che è il Maghreb (un settimo del territorio nazionale) Qui si trovano l'Atlante del Tell e l'Atlante sahariano.
Pur appartenendo all'area climatica mediterranea, il Maghreb ha le caratteristiche tipiche di questo clima solo sulla costa. Ad Algeri, per esempio, la temperatura media annua si aggira sui 18 C (media invernale 12 C, estiva 24 C) mentre presso l'alto Cheliff si registrano gelate invernali e temperature estive fino a 47 C.

L'Arabo è la lingua ufficiale. La lingua berbera, parlata dal 27,4% della popolazione, è anch'essa "lingua nazionale", ma non ufficiale. Il francese, nonostante non gli sia stato riconosciuto uno stato di ufficilità, è usato spesso dall'amministrazione e costituisce una seconda lingua di uso corrente per gran parte degli algerini..

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969