sabato 07 dicembre 2019
 
Home  >  Nazioni
 

Africa » Nigeria

Nigeria (nome ufficiale Federal Republic of Nigeria; Repubblica Federale di Nigeria), stato dell'Africa occidentale, delimitato a nord dal Niger, a est dal Ciad e dal Camerun, a sud dal golfo di Guinea e a ovest dal Benin.

Il paese ha una superficie di 923.768 km² e un'estensione costiera di 853 km. Il nome deriva da quello del suo fiume principale, il Niger. La capitale è Abuja, mentre Lagos è la maggiore città.

Composta inizialmente da un insieme di regni e di stati basati sulle diverse etnie, l'area dell'attuale Nigeria passò sotto il dominio britannico nel 1906, e divenne stato indipendente, membro del Commonwealth britannico, il 1° ottobre 1960. In seguito a un periodo di tensioni tra i diversi gruppi etnici, specialmente gli yoruba del sud-ovest, gli ibo del sud-est, gli hausa e i fulani (o fulbe) del nord, la Nigeria è stata sottoposta a un governo militare dal 1966 al 1979, cui ha fatto seguito un breve periodo di governo civile (1979-1983), destituito da un colpo di stato militare. Tra il 1967 e il 1970 gli ibo cercarono, senza successo, di staccarsi dalla Nigeria costituendo la Repubblica del Biafra.

La Nigeria, formata da un altopiano attraversato dai fiumi Niger e Benue, è costituita da quattro regioni fisiche. Lungo la costa il paesaggio è caratterizzato da foreste di mangrovie e da paludi, che si estendono per alcuni chilometri nell'entroterra; nella regione del delta del Niger la fascia costiera raggiunge un'ampiezza di circa 100 km. Dalla costa penetrano verso l'interno le valli del Niger e del Benue, lungo le quali alle pianure succede un'ampia zona collinare, boscosa, che gradualmente si innalza a formare gli altipiani rocciosi di Jos e di Bauchi. Oltre gli altipiani si stende la savana, una vasta pianura costellata da affioramenti granitici, che arriva fino alle zone semidesertiche del Sahel, nell'estremo nord, e che costituisce la principale area agricola del paese. A est, al confine con il Camerun, è situato il massiccio dell'Adamaoua (o Adamawa), ove si innalza il Dimlang (o Vogel Peak), la cima più elevata del paese (2.042 m).
Il fiume Niger e i suoi tributari, il Benue, il Kaduna e il Sokoto, percorrono gran parte del territorio del paese. Nel nord-est i fiumi sfociano nel lago Ciad. La navigazione del Niger e dei suoi affluenti è limitata dalle rapide e da stagionali variazioni di profondità.

In Nigeria si distinguono due zone climatiche: lungo la costa, la massa d'aria equatoriale marittima determina un clima caratterizzato da forte umidità e piogge persistenti; al nord la massa d'aria tropicale continentale, proveniente dal Sahara, porta venti secchi e carichi di sabbia (come l'harmattan); la temperatura e le piogge variano in modo considerevole secondo la stagione.
La massima piovosità, concentrata soprattutto a sud del paese, si riscontra nei mesi che vanno da aprile a ottobre; la media delle precipitazioni va dai 2.497 mm di Port Harcourt, sul delta del Niger, agli 869 mm di Kano, nel nord del paese.

La vegetazione si differenzia a seconda delle regioni climatiche. Il sud, particolarmente ricco di acque, è parzialmente coperto da fitte foreste tropicali di latifoglie, mentre nelle regioni dell'altopiano e della savana le foreste cedono il passo alle praterie e ad alberi robusti come il baobab e il tamarindo.
Spostandosi infine verso l'estrema regione nordoccidentale del Sahel si incontra in prevalenza una vegetazione di tipo semidesertico. Per quanto riguarda la fauna, i grandi rettili (coccodrilli e serpenti) popolano le paludi e le zone della foresta pluviale.
L'antilope, il cammello e la iena vivono nel nord del paese, mentre i grandi mammiferi africani, un tempo presenti in Nigeria, si sono estinti a causa del moltiplicarsi degli insediamenti umani.

Con più di 250 gruppi etnici, la Nigeria costituisce un complesso mosaico linguistico, sociale e culturale. Più della metà della popolazione è formata dai gruppi degli hausa e dei fulani a nord, degli yoruba a sud-ovest e degli ibo nel sud-est. Tra gli altri gruppi etnici presenti nel paese si ricordano gli edo, gli ijaw e gli ibibio nel sud, i nupe e i tiv nella zona centrale del paese, e i kanuri nel nord-est.
Sebbene la Nigeria sia riconosciuta come la nazione africana più popolosa, il numero esatto e la distribuzione dei suoi abitanti hanno costituito argomento di grandi controversie politiche all'interno del paese. Nel 2007 il paese contava 135.031.160 abitanti (di cui il 48% residente in aree urbane), con una densità media di 148 unità per km².

La lingua ufficiale è l'inglese. L'hausa, una lingua franca dell'Africa occidentale, è quella più largamente usata, soprattutto nel nord; sono diffuse anche le lingue yoruba, ibo, kanuri e tiv (vedi Lingue africane).
Circa il 48% degli abitanti segue la religione musulmana e vive nelle aree degli hausa, dei fulani e dei kanuri nel nord del paese. Tra i cristiani, circa il 34% della popolazione, i cattolici sono concentrati nel sud-est, mentre i metodisti e altri gruppi hanno un forte seguito sia nel sud-est che nel sud-ovest.

La Nigeria ha una rete stradale che copre 194.394 km, asfaltati per il 31%. Negli anni Settanta e Ottanta sono state costruite autostrade che collegano Lagos a Ibadan, al Benin e ad altre aree popolate del paese, facendo declinare l'importanza della rete ferroviaria, che si estende per 3.528 km. Dotata di numerosi scali portuali, come quelli di Lagos, Port Harcourt, Warri, Calabar, Bonny e Burutu, la Nigeria ha inoltre due aeroporti internazionali, situati a Lagos e a Kano, e aeroporti minori per i voli interni.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969