sabato 07 dicembre 2019
 
Home  >  Recensioni
 

L'Irlanda di James Joice nel suo 'Gente di Dublino'

  • Autore:

    James Joyce


  • Titolo:

    L'Irlanda di James Joice nel suo 'Gente di Dublino'


  • Editore:

    Garzanti


  • Pagine:

    213


  • Prezzo:

    7,50 €


Gennaio 2013 - L’intento di James Joyce in questo libro era quello di presentare al mondo Dublino, la sua città, tramite la caratterizzazione della società che l’abitava, la “Gente di Dublino” appunto.

Il mosaico dei quindici racconti che compongono questa raccolta, raffigura l’intera parabola della vita umana, attraverso ognuna delle sue tappe: infanzia, adolescenza e maturità, seguite dalla vita pubblica e dalla morte, cui fa da sfondo la capitale della Repubblica d’Irlanda del primo decennio del 1900.Quindici storie di vita quotidiana, dunque, accomunate da tue tematiche: la paralisi e la fuga dalla propria condizione, dovuta alla religione e alla politica dell’epoca e votata al fallimento.

Se, da una parte, la raccolta presenta il declino dei valori morali, dall’altra, fa nascere nel lettore il desiderio di avvicinarsi a questo mondo e di incontrare la sua gente, forse per paragonarla ai personaggi o magari per un confronto diretto tra viaggiatori e irlandesi. Perché è così che Dublino vi farà sentire: viaggiatori e irlandesi nel contempo, né turisti, né stranieri. “Non esistono estranei, solo amici che dobbiamo ancora conoscere” dichiara, infatti, una targa sulla facciata di un locale di Temple Bar, uno dei quartieri della capitale dove potrete respirare l’aria della città, accolti dalla cordialità di chi la vive e la ama, giorno dopo giorno.

Gilda Lomonte

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969