venerdì 06 dicembre 2019
 
Home  >  Nazioni
 

Africa » Sao Tomè e Principe

São Tomé e Príncipe (nome ufficiale República democrática de São Tomé e Príncipe, Repubblica Democratica di São Tomé e Príncipe), stato insulare situato nell'oceano Atlantico, a circa 200 km dalle coste occidentali dell'Africa, nel golfo di Guinea.

L'arcipelago comprende le due isole di São Tomé e di Príncipe, oltre a numerosi isolotti, fra i quali Pedras Tinhosas e Rolas.
Il paese ha una superficie totale di 1.001 km²; l'estensione costiera è di 209 km. L'isola di São Tomé (855 km²) ospita l'omonima capitale.

Le isole sono di origine vulcanica, caratterizzate da rilievi che culminano nel Pico de São Tomé (2.024 m), su São Tomé; le uniche aree pianeggianti si trovano lungo le coste nordorientali e sudoccidentali delle isole.
Il clima è tropicale, senza variazioni stagionali di rilievo, con una temperatura media annua di 25,6 °C. Le precipitazioni medie annue variano molto in base all'altitudine, ma sono copiose su tutto il territorio. La stagione asciutta si protrae da giugno a ottobre.

Le isole erano probabilmente disabitate quando furono esplorate dai navigatori portoghesi intorno al 1470.
Dal 1485 i portoghesi vi portarono pregiudicati ed ebrei condannati dall'Inquisizione. Per la sua posizione strategica lungo le rotte tra l'Africa e l'America, l'arcipelago diventò un fiorente mercato di schiavi africani, che vennero anche impiegati localmente per sviluppare la coltura della canna da zucchero. Teatro di frequenti rivolte e di violente rappresaglie, l'arcipelago vide decadere l'agricoltura fino agli inizi dell'Ottocento, quando diventò il principale produttore al mondo di cacao.
L'abolizione della schiavitù comportò pochi miglioramenti per la manodopera agricola locale, che venne impiegata dai portoghesi per diversi decenni, in condizioni servili, anche nelle piantagioni continentali.

Nel 2007 la popolazione di São Tomé e Príncipe era di 199.579 abitanti. La capitale, situata sulla costa nordorientale dell'isola omonima, è il principale centro portuale dell'arcipelago. La popolazione è formata in prevalenza da neri africani, detti angolares, discendenti degli angolani che i portoghesi portarono nelle isole al tempo della colonizzazione per sopperire alla necessità di manodopera nelle piantagioni.
Il portoghese è la lingua ufficiale, ma il 90% degli abitanti parla il fang, una lingua bantu. L'80% della popolazione è di religione cattolica.

L'economia dell'arcipelago si basa sulla produzione e sull'esportazione di noci di cocco, banane, copra e olio di palma. Le piantagioni sono state nazionalizzate dopo che il paese ha ottenuto l'indipendenza, nel 1975, con il conseguente calo della produzione di caffè e cacao. Nel quadro di un programma di risanamento del settore, fu avviata a metà degli anni Ottanta la privatizzazione di molte piantagioni, oggi destinate principalmente alla coltivazione di cacao, noci di cocco e manioca. La pesca rappresenta una risorsa importante e sfrutta il passaggio di banchi di tonni al largo delle isole, mentre il settore manifatturiero è limitato alla lavorazione dei prodotti agricoli.
L'unità monetaria del paese è la dobra.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969