sabato 07 dicembre 2019
 
Home  >  Nazioni
 

Africa » Swaziland

Swaziland (nome ufficiale Umbuso weSwatini, Regno di Swaziland), stato indipendente nell'ambito del Commonwealth, situato nell'Africa meridionale.
Privo di sbocco al mare, è delimitato dal Sudafrica, tranne un breve tratto a est, dove confina con il Mozambico.

Con una superficie di 17.363 km², è uno dei paesi più piccoli dell'Africa continentale.
Capitale amministrativa e giudiziaria è Mbabane; capitale legislativa è Lobamba.

In base alla Costituzione del 1978, lo Swaziland è una monarchia pressoché assoluta; al re sono attribuiti il potere legislativo ed esecutivo. Mere funzioni consultive ha il Parlamento bicamerale. Una nuova Costituzione, promulgata nel 2005, ha confermato i forti poteri del re e il bando ai partiti politici. È in vigore la pena di morte, ma dagli inizi degli anni Ottanta non vengono eseguite sentenze capitali.

Il territorio dello Swaziland occupa il margine dell'altopiano sudafricano, digradando di altezza da ovest a est. Morfologicamente è suddiviso in tre regioni geografiche principali che si estendono longitudinalmente da nord a sud: una sezione occidentale, l'Highveld, montagnosa, con punte che superano i 1.800 m di altitudine sul livello del mare; una centrale, il Middleveld, collinare, con una altitudine media di 610 m; una orientale, il Lowveld, con altitudini che oscillano tra i 120 e i 305 m, che confina a est con la scarpata dei monti Lebombo. I fiumi principali sono il Komati, l'Usutu e l'Umbuluzi.

Il clima è tropicale nelle pianure del Lowveld e temperato nelle zone montane. Le precipitazioni, concentrate nell'estate australe tra novembre e marzo, si presentano scarse a est e più abbondanti a ovest. Le temperature medie di Mbabane, situata nelle alteterre occidentali, oscillano tra i 15 e i 25 °C in gennaio e tra i 6 e i 19 °C in luglio.

La popolazione dello Swaziland ammonta a 1.133.066 abitanti, con una densità media di 66 abitanti per km² (2007); il 77% della popolazione vive in insediamenti rurali. Stanziata soprattutto nel Middleveld, la popolazione è formata quasi totalmente da swazi di discendenza nguni (vedi Xhosa). Il territorio è per circa il 40% di proprietà di europei o di società straniere: il 60% circa è in amministrazione fiduciaria al re per l'uso esclusivo del popolo swazi.

Lingue ufficiali sono il siswati, di ceppo bantu, e l'inglese.
La religione maggiormente professata è il cristianesimo, ma sopravvivono in parte culti animisti. L'istruzione non è obbligatoria; nel 2005 il tasso di alfabetizzazione della popolazione adulta raggiungeva l'82,9%. Kwaluseni è sede dell'Università dello Swaziland, istituita nel 1964.
Oltre alla capitale amministrativa e giudiziaria, Mbabane (73.000 abitanti), altri centri di rilievo sono Lobamba (capitale legislativa) e Manzini.
Tra i maggiori prodotti di esportazione si annoverano zucchero, amianto, prodotti chimici, agrumi e pasta di legno; nel 2002 il valore totale delle esportazioni fu di 974 milioni di $ USA, a fronte di importazioni per 891 milioni di $ USA.
Lo Swaziland è membro dell'Unione doganale sudafricana (SACU, South African Customs Union) insieme al Sudafrica, al Botswana e al Lesotho.
La valuta nazionale è il lilangeni, parificato al rand sudafricano che è l'altra valuta in circolazione.
Il paese dispone di una rete stradale di 3.594 km (2002), asfaltata per il 28%. A questa si aggiungono 370 km di ferrovia, che mettono in comunicazione lo Swaziland con i porti di Maputo in Mozambico e di Richard's Bay e Durban in Sudafrica.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969