venerdì 06 dicembre 2019
 
Home  >  Recensioni
 

Torino, città magica

  • Autore:

    Giuditta Dembech


  • Titolo:

    Torino, città magica


  • Editore:

    EDIZIONI L’ARIETE


  • Pagine:

    231


  • Prezzo:

    13,00 €


Aprile 2013
Torino, città magica - “La tradizione esoterica più antica vuole Torino inserita in un triangolo della magia che ha gli altri vertici in Praga e Lione. Questo per quanto concerne la magia ‘bianca’ cioè benefica. Ben altro triangolo vede Torino come una delle basi d’appoggio, ed è quello del satanismo i cui lati, salendo verso Nord toccano Londra e, prolungandosi oltre l’Atlantico si congiungono a San Francisco negli Stati Uniti”... questo è il duplice volto di Torino che, però, ha anche due cuori: uno bianco e uno nero (senza riferimento alcuno alla Juventus). Due cuori magici che battono in diverse zone della città: intorno a Piazza Castello, il primo, e a Piazza Statuto, il secondo, come rivela Giuditta Dembech.

Sotto l’affascinante alone magico che aleggia su quella conosciuta da molti come “la città della Fiat”, svettano al cielo edifici storici, tra cui Palazzo Madama, Palazzo Reale, il Teatro Regio, il Carignano, la Mole Antonelliana (custode del Museo del Cinema), il Museo Egizio (secondo per importanza solo a quello de Il Cairo), la Chiesa della Gran Madre di Dio, il Duomo con la Sindone, le Porte Palatine, Piazza San Carlo, i portici e il Castello del Valentino. La rigogliosa collina affacciata sul Po, oltre a ospitare la Villa della regina, il Monte dei Cappuccini e la Basilica di Superga (opera di Filippo Juvarra), nei cui sotterranei sono collocate le tombe dei Savoia e dal cui piazzale di notte è possibile ammirare la città illuminata e riflessa nei fiumi, non è l’unico polmone verde di Torino. Numerosi parchi s’estendono nel e intorno al capoluogo piemontese, come il Parco del Valentino con il borgo medievale o il Parco della Mandria, senza dimenticare la residenza sabauda della Reggia di Venaria con i sui magnifici giardini, la Palazzina di caccia di Stupinigi (anch’essa opera di Juvarra) con il parco naturale o il Castello di Racconigi con il parco reale, eletto “Il parco più bello d’Italia 2010”.

Tra gli scorci suggestivi, il Po visto da Piazza Vittorio con la Gran Madre, il Monte dei Cappuccini e una sequenza di ponti che si riflettono nelle sue acque, costeggiate dai Murazzi. Per un...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969