mercoledì 30 settembre 2020
 
 

Mauritius in bici

Febbraio 2020 - A Mauritius, dopo l’atterraggio e il trasferimento verso la propria sistemazione, è d’obbligo concedersi un pomeriggio di relax in spiaggia per ambientarsi e sintonizzarsi con i ritmi di questo angolo di Paradiso. 
Bastano però poche ore per lasciarsi contagiare dall’energia positiva dell’isola e partire per una delle tantissime escursioni in barca e di trekking in diversi punti dell’entroterra. Ma c’è un altro modo per scoprire Mauritius: i rilievi verdeggianti e gli scorci sulle lagune blu scorrono alla velocità giusta a fianco di chi decide di visitare l’isola in sella a una bici. Ognuno segue il proprio ritmo, lasciandosi incantare dai punti panoramici che maggiormente colpiscono e soffermandosi sui numerosi itinerari disseminati in tutta l’isola. Nella regione di Grand Port, a Sud Est, storia e paesaggio si intrecciano in questo avvincente percorso, che potrebbe partire da Jardin de Beau Vallon, una dimora coloniale: dopo un succo di frutta o un caffè al fresco della veranda, si comincia a pedalare alla volta di Bois des amourettes, che offre una bellissima vista sugli isolotti circostanti. Si prosegue verso i resti di Fort Fréderick Hendrick, testimonianza della prima costruzione in pietra dell’Oceano Indiano. Nelle vicinanze si trova un mercatino di artigianato locale, dove è possibile acquistare i tradizionali cestini in paglia. Il percorso prosegue verso il primo cimitero olandese, dove sorgono tombe risalenti al 1820. Chiunque si trovi di passaggio, non può rinunciare a una visita Vallée de...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969