sabato 27 maggio 2017
 
 

Un matrimonio all'estero… ma con festeggiamenti al rientro?

Aprile 2014 - Destination Wedding: come organizzare un matrimonio di tutto relax con festa... al rientro!
Organizzare un matrimonio richiede tre cose fondamentali: notevole capacità di coordinazione, grande impegno, nervi (molto!) saldi.  
Tanto più se si sceglie di organizzare un matrimonio diverso dal solito. Mai sentito parlare di Destination Wedding? E' la scelta di sposarsi all'estero (che vale sia per gli italiani che vogliono celebrare fuori dal Paese, che per gli stranieri che si sposano in Italia).
Per chi sceglie di sposarsi fuori dal proprio paese, c'è la possibilità di godere solo dei lati belli del matrimonio, evitando lo stress.
 
La soluzione che va per la maggiore è un bel pacchetto all-inclusive (l'agenzia www.ViaggidiNozze.net ne propone di favolosi), per sposarsi in posti da sogno, come nei vostri sogni di bambine.
Solo voi due, il mare, la cerimonia intima che avete sempre sognato... ma, poi, dopo il bel momento, manca forse qualcosa. Perché è facile che si finisca per rinunciare a festeggiare con amici e parenti. “Siamo lontani.... come facciamo ad organizzare da qui... è passato già del tempo”. Niente di più sbagliato.

La novità 2014, infatti, è la possibilità di fare una bella festa al rientro dal viaggio, festeggiando con tutte quelle persone escluse dalla cerimonia vera e propria. Organizzare il party a distanza, dalle Seychelles o dalla Polinesia, è un'impresa non da poco. Ecco allora che entra in gioco la Wedding Planner, che deve, invece, sollevare gli sposi da ogni preoccupazione...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969