domenica 24 settembre 2017

Giugno 2017 - 13 anni di carriera, a volare nei cieli con Airbus carichi di passeggeri, e finalmente il Capitano Thomas Salme fa outing. Non nel senso che pensavate, ma in quello che non ha mai conseguito il brevetto per volare. Intendiamoci, il buon Thomas sa davvero far volare un aereomobile, ma ha sempre e solo studiato sui simulatori, e nonostante la preparazione solo virtuale ha sempre passato tutti i test di sicurezza imposti dalle compagnie per cui ha lavorato.. Ora ha raccontato la sua storia in un libro, imperdibile da un lato, agghiacciante dall'altro, soprattutto se avete paura di volare.

Dicembre 2015 - Quattordicesimo matrimonio per il nostro direttore Luca Mantegazza alias Mister Wedding con la moglie Barbara, questa volta non in una location tropicale ma... in diretta radiofonica a Radio Deejay durante il seguitissimo programma "Il volo del mattino", con un celebrante d´eccezione: l´attore, presentatore e deejay Fabio Volo.
Singolare il fatto che proprio in questi giorni sia  uscito l'ultimo romanzo di Volo per Mondadori ("E´ tutta vita"), un romanza che tratta proprio di una coppia e di tutte le fasi del rapporto di coppia, dalle prime uscite al matrimonio appunto!
Con la sua consueta verve e le sue pungenti battute, Fabio questa volta ha indossato anche la fascia tricolore di "sindaco" dichiarando marito e moglie Luca e Barbara in diretta, mostrando ancora una volta la sua ben nota ritroia personale verso le nozze, ma sono in molti a scommettere che presto potrebbe capitolare anche lui, e chissà dove andrà in luna di miele con la sua bella Johanna Hauksdottir.

Al nostro Mister Wedding i migliori auguri da tutta la redazione e dai collaboratori!

Il video della cerimonia è disponibile nel sito di Radio Deejay cliccando direttamente sul seguente link:

http://www.deejay.it/news/vi-dichiaro-marito-e-moglie-il-14esimo-matrimonio-di-luca-e-barbara-al-volo-del-mattino/463234/?refresh_ce
 

Novembre/Dicembre 2016 - In Australia non è la meta che conta, ma il viaggio in sé stesso (walkabout). E così che all’imbrunire  siamo per caso alla fattoria di Obawarra, a  Dongara; un comodo letto, una calda zuppa e un dolce casalingo. I proprietari Haydn e Judith ci accolgono con gioia. I loro programmi per domani porteranno al completo stravolgimento del viaggio: sveglia all’alba per la pesca alle aragoste e indicazioni dettagliate per raggiungere il Pilbara  su diversa strada.
Da Mullewa, cittadina-museo dell’outback  imbocchiamo il Butchers track per l’outback station di Wooleen (Murchison Settlement), a  solo 250 chilometri da Monkey Mia. Dune rosse, bassa vegetazione grigioverde, canguri ed emu ci accompagnano fino alla meta. Wooleen è una tenuta di 500.000 di proprietà di Brett ed Hellen Pollock. La loro scelta di vita è stata quella di interporre centinaia di chilometri tra loro e il primo centro abitato. Dalle formazioni rocciose di Bodra Hills Brett ci indica 360 gradi di orizzonte: la tenuta di Wooleen si estende ben oltre!  Prossima tappa è la Murchison Roadhouse, rifornimento di carburante, e si prosegue verso nord fino all’allevamento di Erong Station. Qui Sue e Chris Graham ci stanno aspettando: il tam tam dell’outback per avvisare dell’arrivo di un gruppo di viaggiatori è estremamente efficiente.  Domani arriveremo nel Pilbara ed il Karijini National Park con i suoi magnifici colori e le rigeneranti cascate ci regaleranno sensazioni magnifiche. Poco oltre il  Ningaloo Marine Park ci permetterà di esplorare una barriera corallina accessibile e colorata con tanto di squalo-balena! Prossima tappa la regione del Kimberley.

Coral Coast:I viaggi di Gulliver
Dune di oltre 30 metri, si spostano al mutar delle maree e migliaia di aghi pietrificati che vanno da pochi centimetri a diversi metri di altezza. Questo è il Nambung National Park ma la mia corsa lungo la North West Coastal Highway mi porta a Cape Cuvier ove assisterò ad uno spettacolo raro ed  affascinate: squali e balene che insieme divorano grandi banchi di pesce!. Poi una sosta nell’ arcipelago di Houtman Abrolhos e quanto resta del relitto del Batavia e di altri 18 relitti, la storia del’ isola dei fantasmi urlanti. A Monkey Mia ci sono i delfini ma, io, mi rifugio a Steep Point raggiunto a fatica tra sabbie, dune ed un faro abbandonato. Per mangiare pesco e non saprò mai cosa ha tranciato il terminale d’ acciaio della lenza. Notti sotto le stelle e grandi pinne che sorgono dal mare incendiato dalla luna piena. Jonathan Swift si ispirò a queste zone ed al diario dell'unico superstite dell'Antelope  (1699) per scrivere il suo romanzo più famoso... I viaggi di Gulliver.

Kimberley: Geronimo!
Kate Dave l’avvenente ranger di El Questro mi aveva avvisato che il Mitchell Plateau è un affare serio dopo le piogge!. La pista per Kalumburo è per me un argomento abituale, sabbia rossa, terra rossa e poco 4wd tutto sommato. Poi tutto cambia: già l’attraversamento del Carson River mi è costato un’oretta ma, poi, mi ritrovo a superare una foresta ove le piste si intrecciano come serpenti e non vi è una indicazione mango a pagarla. Fatico ma non demordo e quando inizio a rilassarmi mi ritrovo di fronte ad una salita incredibile con la pista simile ad un sentiero di montagna , fangosa e  con uno strapiombo da vertigine a lato. O si sale o si torna indietro. “Geronimo!!”: l’urlo sorge naturale dalla mia gola mentre parto in quarta e quando il motore non ci riesce più passo alla marcia più bassa, l’ultima risorsa. La mia compagna quasi delira nel maledirmi ma per fortuna ne siamo fuori. Ora e solo fuoristrada serio, enormi burroni e quanto altro. Dopo 7 ore mi sto godendo le acque delle cascate del favoloso Mitchell Plateau e guardo con rammarico le belle spiagge impraticabili, visti i coccodrilli che mi osservano interessati.
 
Roberto Chiesa

 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano al n.236-01/06/12 - Direttore responsabile: Luca Mantegazza
© Giv sas edizioni, Milano - P.i. 04841380969